free page hit counter

Jim Carroll Band

due traduzioni da Catholic Boy, 1980, Jim Carroll Band, testi di Jim Carroll

CATHOLIC BOY
sono nato in una pozzanghera; loro hanno fatto
restare mia madre in piedi.
ho sputato sul medico e sulla sua mano tremante
quando ho sentito la luce ero peggio che incazzato.
Ho rubato il bisturi al dottore e ho tagliato la corda.
Ero un ragazzo cattolico, redento col dolore e non
con la gioia.
Ero un settimino; mi hanno messo sotto vetro,
ho urlato e terrorizzato i loro bambini…
quando le infermiere passavano…
sono stato arrestato per furto.
Quando sono uscito dal ventre di mia madre
mi hanno lasciata aperta soltanto la strada di lì alla
tomba.
Mi hanno affamato per settimane, pensando di
insegnarmi la paura.
Mi sono nutrito dei sogni dei miei compagni di cella e
questo mi ha dato
delle idee brillanti.
quando mi hanno lasciato libero, quei tempi mi sono
tornati utili.
Mi ero fatto alleati in paradiso
e compagni all’inferno.
Ho danzato con gli angeli
e sono caduto ai loro piedi.
quando entro in una chiesa
i piedi di una statua sanguinano…
Posso prevedere il destino
dei miei nemici,
proprio come fece Cristo nel giardino di
Getsemani…
Ho avuto modo di vedere i salmi più dolci rubati da un
coro.
Ho sognato ossa di martiri appese a un filo,
ho fatto la mia parte,
Sono stato assolto.
Ho deciso
di purificare la mia anima,
non mi possono più toccare adesso, ho tutti i
sacramenti dietro di me
il battesimo, la comunione,
la confessione, l’estrema unzione
e la cresima!
perché sono un bambino cattolico…
il sangue scorre rosso, il sangue è caldo
e adesso che sono un cattolico cresciuto
lascio andare la mia lingua
ogni volta che posso.

CATHOLIC BOY
I was born in a pool, they made my mother stand
And I spat on that surgeon and his trembling hand
When I felt the light I was worse than bored
I stole the doctor’s scalpel and I slit the cord
I was a Catholic boy,
Redeemed through pain,
Not through joy
I was two months early they put me under glass
I screamed and cursed their children when the nurses passed
Was convicted of theft when I slipped from the womb
They led me straight from my mother to a cell in the Tombs
They starved me for weeks, they thought they’d teach me fear
I fed on cell mates’ dreams, it gave me fine ideas
When they cut me loose, the time had served me well
I made allies in heaven, I made comrades in Hell
I was a Catholic child
The blood ran red
The blood ran wild
I make angels dance and drop to their knees
When I enter a church the feet of statues bleed
I understand the fate of all my enemies
Just like Christ in the Garden of Gethsemane
I watched the sweetest psalm stolen by the choir
I dreamed of martyrs’ bones hanging from a wire
I make a contribution, I get absolution
I make a resolution to purify my soul

They can’t touch me now
I got every sacrament behind me:
I got baptism,
I got communion,
I got penance,
I got extreme unction
I’ve got confirmation
‘Cause I’m a Catholic child
The blood ran red
The blood ran wild!
Now I’m a Catholic man
I put my tongue to the rail whenever I can.

WICKED GRAVITY
La gravità qui è proprio malata di vendetta, mi sento i
polmoni pieni di catene…
il cielo mi sembra così basso; non ha smosso di
niente questa oppressione da quando la vergine ha
danzato per la pioggia.
riconosci le stelle nel cielo sembrano fori in una
caverna, sono come il soffitto di una chiesa
bombardata.
Ma la gravità trattiene le mie grida, come quando si
sogna il nemico.
i miei guardiani si sono arresi prima di iniziare
la ricerca
ma un mondo senza gravità
è ciò di cui potrei aver bisogno.
vedrei le stelle passarmi accanto,
vedrei la terra che si allontana.
Voglio andare alla deriva al di sopra dei confini contro
la mia volontà.
voglio dormire dove gli angeli non possono arrivare
ma adesso ho le labbra blu, questo può farti
la gravità.
E’ come se fossero schiacciate contro uno specchio.
voglio la forza e l’abilità per addentrarmi là dove la
gravità non significa nulla.
proprio dove gli angeli si aprono la strada a fatica…e
lo fanno per te.
Proprio dove il silenzio può insegnarmi a cantare.
voglio starmene sotto queste lenzuola e senza
diventare blu.
voglio abbracciarti; stringerti stretta, ma senza
toccarti,
voglio un bianco purissimo; possiamo dir sì tutta la
notte
possiamo farlo senza pensarci su troppo.
voglio togliere il fiato io stesso ai dilettanti e ai
Parvenus
che scambiano le perle che porto per pillole
vorrei che la loro gravità si disintegrasse
ma non importa…
c’è qualcosa
nei miei occhi che uccide.

WICKED GRAVITY
The gravity here is just sick for revenge
It’s like my lungs are filled with chains . . .
The sky seems so low,
It hasn’t moved this slow
Since the virgins, since the virgins went dancing for the rain
You know the stars in the night
They’re like the holes in the cave
Like the ceiling of a bombed-out church
But gravity blocks my screams
It’s like an enemy’s dreams
My guardians quit
They quit before they started their search
I want a world without gravity
It could be just what I need
I’d watch the stars move close
I’d watch the earth recede
I wanna drift above the borders against my will
I wanna sleep where the angels don’t pass
But now my lips are blue
Gravity does it to you
It’s like they’re pressed against a mirrored glass
I want my will and capability to meet inside the region
Where this gravity don’t mean a thing
It’s where the angels break through . . .
It’s where they bring it to you
It’s where silence, silence can teach me to sing
I wanna lay beneath these sheets and never turn blue
I wanna hold you, hold you tight but never touch
I want some pure, pure white; hey, we can nod all night
We can do it without thinking too much
I want the dilettantes and parvenues to choke on my wrists
They think the pearls I wear are pills
I want their gravity to shatter . . . but it really doesn’t matter
I got something in my eye that kills!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *