free page hit counter

Sandra Uribe Pérez – Traduzione di Antonio Nazzaro

Sandra Uribe Pérez

Fallimento

Sono in bancarotta

La mia banca delle lacrime

è stata saccheggiata dal dolore

senza lasciare che la speranza

impugnasse le sue armi.

Ha scavato un buco profondo

alla radice degli occhi

e la paura ha ceduto il passo senza scomporsi.

Non so cosa farò quando arriverà la solitudine

per cambiare il suo assegno di tristezze,

visto che non ho pianti postdatati

né depositi a termine

nella cassaforte dell’oblio.

A nessuno potrò rimborsare i suoi risparmi di anni,

i suoi bonifici di odio,

i suoi momenti repressi d’ira,

i suoi tentativi di suicidio rimandati.

Questo fallimento ha danneggiato in modo profondo

la certezza dell’anima:

Ormai non ho pianto.

Neanche ho più occhi.

***

Quiebra

Estoy en bancarrota.

Mi banco de lágrimas

fue saqueado por el dolor

sin permitir que la esperanza

empuñara sus armas.

Excavó un agujero profundo

en la raíz de los ojos

y el miedo cedió paso sin inmutarse.

No sé qué haré cuando llegue la soledad

a cambiar su cheque de tristezas,

pues no tengo llantos post-fechados

ni depósitos a término

en la caja fuerte del olvido.

A nadie podré devolver sus ahorros de años,

sus transferencias de odio,

sus momentos reprimidos de ira,

sus intentos de suicidio postergados.

Esta quiebra afectó de manera profunda

la seguridad del alma:

Ya no tengo llanto.

Tampoco tengo ya ojos.

Sandra Uribe Pérez

Bogotà (Colombia) 2 febbraio del 1972. Poeta, scrittrice, saggista e giornalista, architetta, specializzata in Ambienti virtuali di apprendimento e dottoressa in Studi della Cultura con specializzazione in Letteratura Ispanoamericana. Ha pubblicato i libri di poesia: Uno & Dios (Bogotá, 1996), Catálogo de fantasmas en orden crono-ilógico (Chiquinquirá, Alcaldía Municipal de Chiquinquirá, 1997), Sola sin tilde (Quito, Arcano Editores, 2003) e l’edizione bilingue Sola sin tilde – Orthography of solitude (Bogotá, 2008), Círculo de silencio (Bucaramanga, UIS, 2012), Raíces de lo invisible (Popayán, Gamar Editores, 2018) e La casa, Antología (Bogotá, Universidad Externado de Colombia, 2018). Parte del suo lavoro è stato tradotto in inglese, italiano, francese, portoghese, greco e estone. Molte sue poesie sono state incluse in antologie e pubblicazioni nazionali e internazionali. Ha vinto diversi concorsi di poesia. Attualmente è docente presso l’Università “Colegio Mayor de Cundinamarca” (Bogotá).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *